Offerta Formativa


CORSO DI LAUREA DI 1°LIVELLO IN INGEGNERIA CHIMICA

Anno Accademico 2009/10

Istituito per la prima volta nella forma attuale nell'A.A. 2004/05

INGEGNERIA I

Naviga nel Sito del corso di studio


Sede: TORINO

Classe di laurea n° 10: INGEGNERIA INDUSTRIALE

Referente del corsox:
BARRESI ANTONELLO
antonello.barresi@polito.it
011/5644658


Corso tenuto in Italiano

Il primo anno e offerto anche in lingua Inglese...


_______________________________________________________________________________

Durata e sede

Durata: 3 anni
Sede: Torino - C.so Duca degli Abruzzi 24

Profilo della professione

Il laureato in Ingegneria chimica ha competenze professionali che riguardano la produzione industriale di sostanze chimiche e nello stesso tempo coprono un ampio campo di tecnologie di trasformazione tipiche di tutta l¿industria manifatturiera: dalla trasformazione degli alimenti alla produzione e distribuzione dei combustibili, dall¿industria farmaceutica all¿abbattimento di prodotti inquinanti, per citare solo alcuni esempi. L¿ingegnere chimico è dunque un professionista in grado di operare tanto nel settore industriale quanto in quello dei servizi, svolgendo funzioni di natura tecnica, di pianificazione e coordinamento per quanto riguarda la ricerca e sviluppo di nuovi processi, il progetto, la gestione e l¿ottimizzazione degli impianti.
Aspetti qualificanti
L¿ampio spettro di competenze del laureato in Ingegneria chimica gli consente di operare in settori estremamente diversificati, conferendogli una grande versatilità professionale. La capacità di gestire i processi aziendali delle imprese che sviluppano nuovi procedimenti industriali di produzione e trasformazione risponde bene alle esigenze di un mondo del lavoro in continua e rapida trasformazione.
Possibilità di lavoro
Il laureato in Ingegneria chimica ha opportunità d¿impiego presso:

  • industrie chimiche e petrolchimiche, di produzione e trasformazione di materie plastiche, siderurgiche, metallurgiche, farmaceutiche;
  • società d¿ingegneria specializzate nel progetto, installazione e avviamento di impianti industriali, analisi di affidabilità, analisi dei rischi industriali e ambientali, analisi del ciclo di vita;
  • centri di ricerca e innovazione tecnologica;
  • società di servizi industriali;
  • società di distribuzione di gas combustibile e acqua potabile;
  • enti pubblici e agenzie operanti nel settore ambientale e della valutazione dei rischi.

Percorso formativo

Gli insegnamenti comuni a tutti i percorsi formativi
Nei primi tre semestri del corso di laurea prevalgono contenuti formativi di base (come la matematica, la fisica, la chimica) e quelli comuni al settore dell¿ingegneria industriale, con in più gli insegnamenti di chimica organica, termodinamica e fenomeni di trasporto che sono caratterizzanti il corso di laurea. A partire dalla seconda metà del secondo anno acquistano un maggior peso gli insegnamenti specifici dell¿ingegneria chimica, con lo studio di reattori, impianti chimici, chimica industriale, dinamica e controllo dei processi, sicurezza e protezione ambientale nei processi industriali.
Gli insegnamenti caratterizzanti i diversi percorsi formativi
Percorso ambientale: prevede lo studio della catalisi ambientale e dell¿ingegneria chimica ambientale.
Percorso industriale: prevede lo studio dello sviluppo dei processi, la sperimentazione industriale e gli impianti per l¿industria alimentare.
I laboratori
Sono previsti laboratori di Chimica delle soluzioni, di Ingegneria chimica, di Analisi e simulazione dei processi industriali ed Esercitazioni pratiche di progetto.
Altre attività
Durante il corso possono essere organizzate visite a siti industriali o esercitazioni antincendio.

Caratteristiche della prova finale

Per il conseguimento della laurea l¿esame finale consiste nella discussione pubblica di una relazione scritta o di una tesi. Per il conseguimento della laurea specialistica l¿esame finale consiste nella discussione pubblica di una tesi elaborata in modo originale dallo studente sotto la guida di un relatore. In ogni caso la valutazione del candidato avviene integrando le risultanze dell¿intera carriera scolastica con il giudizio sull¿esame finale.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il Manifesto degli Studi.

Proseguimento su Laurea specialistica

Con la laurea si può accedere senza debiti formativi al corso di laurea specialistica in Ingegneria chimica.
Corso di laurea specialistica in Ingegneria chimica
La laurea specialistica in Ingegneria chimica prevede un approfondimento sia delle discipline di base che della formazione professionale specifica nell¿ambito della chimica industriale, dello sviluppo e del controllo avanzato dei processi, dei materiali per l¿industria di processo e della tecnica della sicurezza ambientale. I percorsi formativi sono due: Sviluppo compatibile dei processi e Progettazione di prodotto.

FAQ

Che cosa distingue un laureato in Ingegneria chimica da un laureato in Chimica? Nell¿ingegnere chimico si coniugano una cultura chimica di base, necessaria per comprendere la natura dei processi e delle sostanze trattate, e un approccio ingegneristico alla soluzione dei problemi, che ha come obiettivo primario la realizzazione in scala industriale. Nel suo lavoro, l¿ingegnere chimico considera, oltre ai fenomeni chimici, i molteplici aspetti di un processo: dal trasferimento di materia ed energia ai fattori gestionali ed economici, dalle problematiche di sicurezza a quelle di carattere ambientale.
Quali opportunità lavorative offre il corso? I risultati di indagini svolte su un campione significativo di laureati in Ingegneria chimica presso il Politecnico di Torino negli ultimi anni dimostrano che il titolo offre ottime opportunità nella ricerca di un impiego qualificato: quasi nove laureati su dieci trovano un lavoro con qualifica di ingegnere dalla fine degli studi.